giovedì 29 novembre 2012

Blogs Got Talent ! (36)


Oggi siamo ospiti di Simona  e ci troviamo in un piccolo paese in provincia di Como. La nostra amica blogger lavora da diversi anni in uno studio stilistico specializzato in beachwear e underwear. Simona ha iniziato ad accostarsi alla cucina fin da piccola, ricorda con piacere i suoi sabato pomeriggio in cucina a preparare dolci e dolcetti per i suoi genitori.Anche lei come me oltre alla cucina adora viaggiare scattando centinaia di foto che diventano dei libri/album che compone da sola, inoltre è un'accanita lettrice e si diletta a creare oggetti fatti a mano, una ragazza veramente eclettica e da brava aquario creativa e fantasiosa!Il suo blog è veramente fresco di stampa, è nato a maggio di quest'anno ed è già bellissimo e pieno di ricette interessanti !Non ho mai dato consigli alle blogger che finora ho scelto ma questa volta non posso trattenermi da dirle : " Simona le tue foto sono splendide e meritano di essere pubblicate molto più grandi, renderesti il tuo blog ancora più d'impatto !", voi cosa ne pensate? Vi propongo questa sua ricetta(ho ingrandito io la foto)  passate a trovarla, diventerà un blog da visitare spesso...Noi ci ritroviamo la prossima settimana....












martedì 27 novembre 2012

Risotto alle pere e brie fumé



piatto Roma di VEGA


Con la stagione autunnale ritorna prepotente la voglia di risotti, oggi  ho pensato di proporne uno particolare...Ho visitato il mercatino francese in visita a Trieste e ho fatto incetta di formaggi. Quello che ho usato in questa ricetta è il brie affumicato, un formaggio dal sapore particolare e perfetto per l'abbinamento con le pere....Ancora una volta ho scelto per la mia ricetta un piatto di VEGA...


Ingredienti  per 2 persone :



una noce di burro
1 piccolo scalogno
1 bicchiere di vino bianco secco
200 g di riso carnaroli
80 g di brie affumicato
1 pera williams tagliata a pezzetti piccolissimi
brodo vegetale



In una pentola da risotto(io uso sempre la mia pentola di rame e viene mantecato perfettamente)far sciogliere la noce di burro, aggiungere lo scalogno e lasciare e raggiunga una leggera doratura. Versare il riso e lasciar tostare. Sfumare con il bicchiere di vino bianco e portare a cottura con i necessari mestoli di brodo caldo; regolare di sale(poco perchè il dado è già sapido ). A pochi minuti dalla fine aggiungere i dadini di pera. Fuori dal fuoco mantecare con il brie affumicato tagliato a cubettini, impiattare





Abbinamento vino : ho bevuto lo stesso vino bianco che ho usato in cottura, Terre Alte, Az. Livio Felluga,Brazzano di Cormons(GO),13,5% Vol, temperatura di servizio intorno ai 14° C


Livio Felluga





domenica 25 novembre 2012

Cake coccoloso al mandarino e nocciole




Un semplice dolcetto per la colazione o la merenda da gustare con una tazza di the. Se potete usate proprio lo yogurt greco,ho notato che per questo tipo di preparazioni è lo yogurt ideale..


Con questa ricetta partecipo al contest di Cinzia in collaborazione con Salter dedicato alle ricette inglesi....



                   Il ricettario di Cinzia   Salter su Facebook

                  


Ingredienti:

1 vasetto(che servirà da dosatore) di yogurt greco FAGE TOTAL da 170 g
50 g di nocciole tritate finemente 
2 vasetti e 1/2 di farina
1 vasetto di zucchero ( 1 e 1/2 se vi piace più dolce)
1 vasetto di olio di mais o arachide
3 uova intere grandi
il succo  di 2 o 3 mandarini  e la scorza di 1 
1 bustina di lievito
1 pizzico di sale




L'esecuzione è molto facile perchè si usa solo il robot, non servono ciotole aggiuntive. Accendere il forno a 160/170°. Mettere nel robot le uova con lo zucchero, montare bene per alcuni minuti, aggiungere sempre a robot in funzione la farina, le nocciole, lo yogurt, il pizzico di sale, il succo e la scorza dei mandarini, l'olio e la bustina di lievito,lasciar amalgamare bene. Ungere uno stampo rettangolare, il mio misura 36 cm. e metterlo in forno per 30/40 minuti. Controllare durante la cottura che non scurisca troppo, nel caso coprirlo con della carta di alluminio, fare la prova stecchino prima di tirarlo fuori...



giovedì 22 novembre 2012

Blogs Got talent ! (35)


Oggi vi porto in Inghilterra(io non ci sono ancora andata, sob...)a casa di Rita, la blogger di questa settimana.Rita è una signora romana che vive a Londra da tempo con la famiglia.La sua famiglia di origine era molto legata alla cucina tradizionale ma lei aveva all'inizio una vera propensione per quella internazionale, specialmente cinese e messicana. Col tempo ha sentito la necessità invece di accostarsi alla cucina tradizionale italiana è questo è il proposito del suo giovane blog nato appena un anno fa :proporre ai suoi lettori inglesi la nostra cucina.Troverete le ricette scritte anche in italiano senza l'ausilio di Google Translator, fa tutto da sola...Il suo blog mi piace perchè è pulito, senza pubblicità nè fronzoli inutili, le ricette sono illustrate con foto normali, non da professionista e i titoli sono originalissimi per il modo discorsivo con il quale sono stati scritti...Riporto le sue parole :" Il mio blog è nato pensando ad un pubblico non italiano, le mie ricette comprendono molti piatti tradizionali italiani cucinati con il mio stile e gusto.Inoltre essendo un'italiana che vive all'estero le ricette sono scritte e adattate pensando agli ingredienti che si possono facilmente trovare all'estero. Cerco di comunicare a chi mi legge che si possono cucinare piatti italiani senza spendere una fortuna ". Come darle torto? La cucina italiana spesso è giudicata costosa e difficile da riprodurre fuori dall'Italia, sfatiamo una volta per tutte questa falsità!Rita ha diversi progetti nel cassetto i più importanti dei quali sono la vendita on line di prodotti italiani e la possibilità di poter dare lezioni di cucina italiana, per questo è iscritta ad un corso di Healthy and Safety(per l'abilitazione al catering), lo stesso che ho fatto io anni fa.....Per presentarvela ho scelto una ricetta semplice e gustosa, mi ha colpito l'originalità del titolo, passate a trovarla, noi ci ritroviamo la prossima settimana...





martedì 20 novembre 2012

Spaghetti alla carbonara autunnale con porri e pancetta



Piatto  Singapore e  sottopiatto in rattan di VEGA 

 Chi mi segue da tempo sa che non cerco mai collaborazioni e che rifiuto quasi sempre quelle mi vengono proposte... Quando però sono stata contattata da VEGA non ho potuto negare spazi sul mio blog,sono stata conquistata dai loro magnifici oggetti ! E'una ditta leader nel campo dell' HOTELLERIE ,sfogliando il ricchissimo catalogo di VEGA forniture alberghiere  potrete scegliere fra centinaia di proposte classiche e moderne per rendere speciale la vostra casa e soprattutto la vostra tavola, c'è anche una splendida sezione dedicata all'oggettistica per il Natale !Dedico a VEGA e a tutti voi  la ricetta di oggi che declina in modo prettamente autunnale un piatto famosissimo. Ho usato i porri,verdura di questa stagione e la pancetta, il tutto legato da una cremosa salsa con uova e parmigiano. Vi svelerò un piccolo trucco per non far strapazzare le uova al momento di aggiungerle in padella agli spaghetti, leggete fino in fondo la preparazione e lo saprete !


Ingredienti per 2 persone :


200 g di spaghetti

1 porro tagliato a listerelle
100 g di pancetta o guanciale (io ho usato la pancetta pepata)
1 uovo intero
1 albume
50 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
sale, pepe q.b.



In una terrina mettere il parmigiano,il sale, il pepe , l'uovo intero e l'albume; sbattere bene con la frusta e mettere da parte. Scaldare una larga padella e aggiungere la pancetta tagliata a dadini, non occorre olio in quanto il grasso della pancetta sarà sufficiente. Una volta dorata versarla in una ciotola.Nella stessa padella far ammorbidire il porro, ci vorranno pochi minuti.Scolando la pasta conservare un pò di acqua di cottura, versare quest'acqua avanzata nella terrina dove ci sono uova e parmigiano e mescolare bene, questo è il trucchetto per non far rapprendere poi le uova quando verranno versate in padella.Aggiungere la pasta nella padella dei porri, accendere a fuoco dolce e versare il composto di uova e la pancetta che avevamo messo da parte. Mescolare bene e lasciare che la salsina si amalgami con tutto il resto. Impiattare spolverizzando ancora un pò di Parmigiano




domenica 18 novembre 2012

Tranci di ricotta con uvette e noci





Durante la mia vacanza a Praga ho acquistato, come faccio sempre quando viaggio,un libro di ricette locali;ho avuto la fortuna di trovarlo in italiano e ben illustrato. Ho scelto la ricetta di un dolce che mi ha colpito per la sua semplicità , c'è la ricotta e questo per me è garanzia di bontà, la pasta frolla è particolare in quanto contiene lievito, è molto friabile...Riporto fedelmente la ricetta dal libro....


Ingredienti :

per la pasta frolla :


500 g di farina 00

100 g di zucchero a velo
270 g di burro
2 tuorli
6 cucchiai di latte
1/2 cucchiaino di lievito in polvere
scorza di limone q.b.


per il ripieno :


500 g di ricotta morbida

2 tuorli
50 g di uvetta
100 g di zucchero semolato
1 bustina di zucchero vanigliato
30 g di burro
4 albumi
scorza di 1/2 limone

per guarnire :



30 g di gherigli di noci
1 uovo per spennellare
zucchero a velo



Setacciate la farina e aggiungeteci il lievito in polvere, lo zucchero, il burro tagliato a pezzi, i tuorli mescolati con il latte e la scorza di limone.Lavorate l'amalgama il tempo che basta ad assemblare i vari ingredienti e possibilmente con le mani fredde poi fatelo riposare in frigorifero almeno mezz'ora.Dividete la pasta in due pezzi, uno più grande dell'altro.Stendete il più grande adagiandolo in una teglia. Spalmateci il ripieno di ricotta che avrete preparato nel modo seguente :amalgamate il burro allo zucchero e allo zucchero vanigliato, aggiungete la ricotta, i tuorli,la scorza di limone grattugiata e l'uvetta(prima fatta rinvenire in acqua tiepida e poi scolata e  strizzata). Alla fine aggiungeteci gli albumi montati a neve ben ferma.Stendete il pezzo di sfoglia più piccolo e tagliatelo a fettucce che serviranno a comporre il motivo a griglia. Spennellate con l'uovo e cospargete con le noci tritate grossolanamente. Mettetelo circa 3/4 d'ora in forno a 180°. Quando sarà raffreddato cospargetelo di zucchero a velo e tagliatelo a tranci








giovedì 15 novembre 2012

Blogs Got talent ! (34)


Come vola il tempo, oggi è già mercoledì e per la nuova puntata siamo ospiti a Milano a casa di Clara la blogger di questa settimana.Clara è di origine lombarda/abruzzese e  la la sua cucina è fortemente influenzata da queste doppie origini.E' vulcanica e molto simpatica, trascina con il suo entusiasmo le persone e da ogni ricetta si capisce che ci mette l'anima nel far  progredire il suo blog! Moglie di Max e mamma di Beatrice ed Eleonora cerca di educarle alla buona tavola  e secondo me ci riesce in pieno !Appassionata anche di Wedding Planning e di Cake Design nel suo bel blog sperimenta ricette alla portata di tutti e coinvolge i lettori con il suo stile attento alla stagionalità..Ho scelto una ricetta che in questa stagione non può mancare sulle nostre tavole, uno splendido polpettone con la mortadella, un piatto che sa di pranzi in famiglia molto saporito e tradizionale...Passate da lei, vi aspetta..Noi ci ritroviamo la prossima settimana..





martedì 13 novembre 2012

Patate ripiene con spinaci e formaggio di capra



Può essere un saporito piatto unico o un contorno, in ogni caso è un piatto che vi piacerà molto e che potrete preparare in anticipo e scaldare all'ultimo momento...La ricetta potete leggerla qui :




domenica 11 novembre 2012

Magica Praga ! Seconda ed ultima parte...


  Affresco dedicato alla birra 

La seconda parte del reportage su Praga comprende la zona chiamata Josefov con il quartiere ebraico e gli splendidi passage intorno a Piazza Venceslao in Nove Mesto(città nuova ).Quando preparavo gli itinerari mi ero appuntata di andare nel quartiere ebraico escludendo il sabato, giorno di chiusura del cimitero e delle sinagoghe.Comperando un biglietto cumulativo si possono visitare una serie di sinagoghe e il cimitero e così abbiamo fatto.Il quartiere si estende alle spalle della Piazza dell'orologio,architettonicamente è una zona molto elegante e ricca di negozi di lusso, i migliori di Praga; non mancano i negozi di Luis Vuitton, di Rolex e molti altri che ho incontrato mentre camminavo. 


Questa è la Sinagoga Maisel, adibita adesso a museo; al suo interno si possono ammirare carte, argenterie,mantelli ed oggetti di culto che raccontano la storia degli Ebrei della Boemia e della Moravia tra il X e il XVII secolo.




Continuando a passeggiare seguendo l'itinerario si nota in via Cervena un campanile a pianta quadrata dotato di due orologi, quello sottostante è particolare,si tratta di un orologio con cifre ebraiche  e con le lancette che avanzano a ritroso in consonanza con il senso di lettura dell'ebraico(da destra a sinistra); la particolare rotazione delle lancette induce ad una percezione diversa del tempo come disse anche Guillaume Apollinaire ricordando il suo soggiorno praghese del 1902. 




Di fronte all'orologio la Sinagoga Staronova, la più antica d'europa. Miracolosamente intatta ha superato  bombardamenti e devastazioni,(qui non ho potuto fotografare). Uno dei suoi più famosi rabbini  Rabbi Löw è ricordato per essere il creatore del Golem,un essere artificiale plasmato dal rabbino nel fango ed animato , grazie a incantesimi e all'introduzione nella sua bocca di un pezzo di pergamena, con delle formule scritte. Una sera Rabbi Löw si dimenticò di estrarre dalla bocca la pergamena e il Golem impazzì seminando il terrore nel quartiere ebraico. Solo l'intervento del rabbino  potè salvare la comunità; estrasse la pergamena dalla bocca del Golem e ridusse la sua creatura nuovamente ad un ammasso di fango.La leggenda racconta che ogni 33 anni il Golem torna ad infestare Praga....Non ho calcolato quando dovrebbe rifarsi vivo....


Molto particolare è la Sinagoga Spagnola ,prese il nome di Spagnola per le sue decorazioni arabe, molto simili a quelle dell'Alhambra di Granada. 





 Ma è l'antico cimitero ebraico quello che mi ha colpito maggiormente,le steli sono accatastate una accanto all'altra, dritte, storte senza quasi un senso..Ci hanno spiegato che quello che vediamo è l'ultimo strato di tombe, ce ne sono almeno una decina,una sopra l'altra, volutamente è stato lasciato così e il tempo  lo ha trasformato  in un luogo carico di significati ....






Un'altra zona molto bella di Praga è nella parte nuova della città , Piazza Venceslao con i suoi passage coperti dove rifugiarsi nei giorni di pioggia e di neve...





Queste le magnifiche vetrate del passage Koruna



      il Passage Rokoko





Questa, nel Passage Lucerna, è la famosa statua del cavallo rovesciato








e per finire le splendide vetrate art nouveau del Passage Novak







Nei pressi il caratteristico giardino francescano





Nonostante la neve qualche rosa resiste....




I praghesi sono appassionati musicofili, i teatri programmano spettacoli di ogni genere anche durante le ore diurne ed è facile vedere code di persone ai botteghini in attesa di entrare.In tutte le chiese vi sono concerti,in questi giorni si tiene la settimana della musica jazz, in questo locale suonò il sassofono il presidente americano Clinton quando venne in visita al presidente ceco Havel, è un locale molto famoso...




Adesso dedico l'ultima parte del mio reportage a segnalarvi alcuni locali dove ho mangiato bene. Purtroppo le foto dei piatti sono di scarsissimo livello e , a parte un paio, ve le ho risparmiate...


Questo splendido palazzo si chiama Obecni Dum,realizzato in stile Art Nouveau, è uno dei caffè più belli e più grandi di Praga, al suo interno si trovano due ristoranti, un caffè e  la sala per i concerti, gli interni sono splendidi e mi hanno ricordato, molto più in grande, il nostro storico caffè San Marco a Trieste ...Era vicinissimo al nostro Hotel...






Un'altra volta abbiamo mangiato in un vicoletto dietro alla Piazza dell'Orologio, il locale ci è piaciuto per la sua atmosfera calda ,per il cibo e naturalmente per la pulizia che a Praga abbiamo avuto modo di riscontrare è sempre impeccabile...




Questo è il ristorante Mlejnice , abbiamo bevuto un'ottima birra ceca la Pilsner Urquell









   e mangiato un ottimo filetto con i funghi, le altre foto erano ancora più impresentabili di questa....





Un'ultima menzione al cibo che si può trovare per strada...Ci sono in giro per la città dei baracchini che offrono un dolcetto molto particolare, si chiama Trdelnik ed è un grande cannolo  cosparso di zucchero e nocciole tritate cucinato su una specie di spiedi che girano , sotto ci sono  le braci ardenti 

 









Praga è una città che va vista almeno una volta nella vita, ne resterete affascinati e vorrete ritornare.....




Info :


il mio hotel ,vicino alle principali attrattive da raggiungere comodamente a piedi...Pulito, tranquillo e con un'ottima colazione a buffet, ricca di piatti sia dolci che salati


Century Old Town


Birrerie e ristoranti dove abbiamo mangiato bene spendendo veramente poco (al massimo 15/18 euro a testa)

Kavarna Obecni Dum


Mlejnice

U Supa

Pivnice Stupartska

U tri ruzi



giovedì 8 novembre 2012

Blogs Got Talent ! (33)


Mi sono imbattuta in questo blog per puro caso e l'ho trovato divertente, arguto, interessante e soprattutto ironico....Già il nome è tutto un programma " Asino chi legge ancora ",non so come definirlo se non un puzzle di sensazioni e sapori, un insieme di ricette e di itinerari di viaggio(chi ama l'Asia troverà pane per i suoi denti...). La padrona di casa si chiama Elvira ed è celiaca.Da quando vivo nel mondo dei foodblogger ho scoperto che la celiachia è sempre più diffusa e non è un babau , si può vivere bene mangiando con gusto!Elvira ha imparato a cucinare da sua madre ed è stata subito passione. Quando a 18 anni le hanno diagnosticato la celiachia all'inizio ha creduto di dover accantonare quello che ormai le era entrato nel sangue poi invece ha cominciato ad allargare i suoi orizzonti e tutto ha avuto un senso :vivere bene da celiaca non è un dramma ma uno stile di vita che le avrebbe permesso di sperimentare nuovi sapori e così ha fatto....Ha aperto il blog e sotto l'occhio vigile del suo Lui e del suo adorato Mr. Geido(il suo peloso)ha iniziato a sperimentare nuove ricette....Ama dire di sè" Cucino per passione, porto a spasso il cane per amore e ho un fidanzato per lavoro"...Io per presentarvela ho scelto una ricetta molto raffinata : un tris di vellutate che sono sicura piacerà anche a voi, passate da lei...Noi ci ritroveremo la prossima settimana....





                              http://www.asinochileggeancora.com/2012/05/immaginate.html



martedì 6 novembre 2012

Magica Praga ! Prima parte....







E' da tanto tempo che desideravo  visitare Praga, avevo sempre rimandato per svariati motivi ma una favorevole congiunzione astrale, forse dovuta al fatto che Praga fa parte del famoso triangolo magico insieme a Torino e Lione, ha permesso di realizzare finalmente il mio sogno....A poco più di un 'ora di volo da Venezia ,Praga seduce il visitatore col suo fascino magnetico e la molteplicità dei suoi stili. Le foto che vedrete sono state scattate nei quattro giorni di permanenza eppure sembrano appartenere a tutte le stagioni dell'anno : vedrete il cielo nuvoloso, la pioggia, la neve e anche il sole... 


L'orologio astronomico della torre del Municipio attira ogni giorno un gran numero di turisti che  allo scoccare di ogni ora si assembrano sotto ai quadranti  col naso all'insù...guardano lo sfilare dei dodici apostoli e i movimenti delle figure allegoriche: la morte, l'avarizia,l'invasione pagana rappresentata dal turco, la vanità,il cronista,l'angelo, l'astronomo e il filosofo. All'ultimo rintocco , dalla finestra superiore, appare il gallo.



                         


Quando la pioggia si è trasforma in neve lo scenario diventa suggestivo anche se gelido....






La piazza del Municipio è splendida contornata da palazzi dalle bellissime facciate,qui visse per anni Franz Kafka....numerosi ristoranti, sempre affollatissimi,circondano la piazza con tendoni e tavolini all'aperto....





                        












Spesso uscivo dall'onda turistica in cerca di scorci più tranquilli e ne ho trovati tantissimi....










Sono 11 i ponti che scavalcano la Moldava ,il più famoso è il Ponte Carlo.L'ora ideale per attraversarlo sarebbe al mattino presto , libero da turisti, venditori ambulanti e suonatori , il colpo d'occhio della sfilata di statue che lo attraversano è molto suggestiva.



                    



Al di là del Ponte, l'isoletta di Kampa dove vennero girate alcune scene del primo film della serie "Mission Impossible"


                            


 il quartiere di Mala Strana (Parte Piccola ),è stato il più antico insediamento della città;è l'anticamera del castello che svetta alle sue spalle.E' un quartiere molto aristocratico ed elegante, sede dei palazzi del Governo e del Senato,di molte ambasciate e consolati, è costruito in stile rinascimentale e barocco.I palazzi hanno splendide decorazioni e spesso dietro a portoni massicci si celano incantevoli giardini segreti, ovunque sferragliano dei deliziosi tram rossi, il 22 fa fare un giro turistico della città attraversando sia la parte a destra che quella a sinistra del fiume 




Sulla collina il Castello domina la città, la sua area è vastissima e comprende la Cattedrale di San Vito,il Vecchio Palazzo Reale,la Pinacoteca,il Convento di san Giorgio, il Giardino Reale e il Vicolo d'oro con le sue minuscole botteghe, all'interno è possibile vedere com'era organizzata la vita all'epoca...









   








Fuori dal Castello un romantico vicolo riporta in città




Il panorama dall'alto del castello è affascinante.....






Poche ore dopo il panorama cambia colori....





Nella prossima puntata vi mostrerò il quartiere ebraico, Piazza Venceslao, i "passage" coperti dove ci siamo rifugiati durante la nevicata e vi racconterò qualcosa della cucina ceca, a presto......(fine prima parte)







Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...